Aria e Clima Traffico ed Emissioni

Traffico ed Emissioni


monitoraggio ambientale

Il controllo costante dei flussi di traffico è un’azione molto importante per la gestione della mobilità cittadina, ma anche per capire quali sono le emissioni inquinanti che dipendono dalla mobilità e come incidono sulla qualità dell’aria.

La rete di monitoraggio nel territorio di Aprilia è formata da 2 stazioni di rilievo fisse (alimentate da energia solare) che trasmettono dati in tempo reale sul numero di veicoli che transitano, sulla loro velocità e tipologia. Tali dati sono raccolti da apparecchiature radar ad effetto doppler dotati di modulo di trasmissione dati. Oltre ai dati raccolti dalle due stazioni fisse il quadro della mobilità nella città di Aprilia è stato analizzato tramite una campagna di monitoraggio della durata di una settimana presso ulteriori 10 sezioni stradali temporaneamente attrezzate con dotazioni analoghe a quelle presenti per le postazioni fisse. Sia i dati in tempo reale che quelli della campagna di monitoraggio sono rappresentati sul sito dell’Urban Center dove sono resi disponibili anche gli esiti di elaborazioni finalizzate ad associare ai flussi di traffico le emissioni dei principali inquinanti legati al traffico autoveicolare (CO, NOx, PM10, COV) oltre che della CO2.

Per comprendere meglio il comportamento emissivo del tessuto urbano, è in corso di svolgimento una campagna di misura delle emissioni di gas clima alteranti a scala urbana basata su tecnica Eddy Covariance.

Questa tecnica è stata sviluppata alla fine degli anni ’80 per la misura degli scambi gassosi e di energia tra atmosfera ed ecosistema. Il suo utilizzo in ambiente urbano è oggi applicato allo studio dei flussi di gas serra (GHG). Una stazione Eddy Covariance istallata sul tetto del palazzo del Comune di Aprilia acquisirà i dati per un anno e consentirà di studiare le dinamiche emissive del tessuto urbano e approfondire gli aspetti legati al traffico.

In termini pratici, il monitoraggio del traffico e delle emissioni permette di supportare i diversi processi già in atto (ad esempio il PAES e il PUM) nel settore della pianificazione energetica, ambientale e della mobilità sostenibile; può inoltre essere di supporto alla Polizia Municipale per l’individuazione di situazioni di congestione, e per definire meglio l’Isola di calore e le mappe di vulnerabilità climatica.